×


Consigli di lettura



Fuga nella neve

Sofia Gallo


Angelo e Lidia sono due bambini di undici e sette anni e sono cugini. Si trovano bene insieme e vanno d’accordo. Quello che gli sta succedendo ultimamente, però, è molto fastidioso: hanno dovuto cambiare scuola e abbandonare i loro compagni di classe. Sentono che questa ‘seccatura’ è solo il segnale di qualcosa di più terribile, lo percepiscono dagli sguardi dei genitori, da quello che non dicono. Sanno che il motivo va attribuito alle ‘leggi razziali’: Angelo e Lidia sono ebrei e su tutti loro incombe lo spettro della persecuzione e perfino della deportazione. Così quando una mattina si svegliano e si ritrovano soli in casa capiscono che, per proteggerli, i loro genitori in fuga dalla minaccia nazista, li hanno abbandonati. Dovranno partire e, prima insieme, poi separati, affrontare un lungo cammino attraverso le montagne a nord del Piemonte. La neve che ricopre lo splendido paesaggio assume in questa fuga una valenza simbolica, diventa una coltre che protegge ogni cosa e ogni essere, un manto sotto il quale nascondere anche la propria identità per poter raggiungere un luogo sicuro.


Recensione a cura di A. Di Febo (2024)

Condividi

Età
Editore
Salani
Anno
2024
Pagine
208